ANTIBIOTICORESISTENZA

A dispetto delle epidemie inventate dai media nazionali, la vera emergenza sanitaria italiana di cui poco o nulla si parla è quella che viene definita antibioticoresistenza. I dati, aggiornati al 2014, che emergono da un report

dell’OCSE (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) sono a dir poco allarmanti: tra i paesi dell’area OCSE l’Italia si piazza al sesto posto per consumo di antibiotici e al terzo posto nella triste graduatoria delle nazioni con il più alto tasso di antibioticoresistenza. Situazione peggiore solo in Grecia e Turchia, guarda caso proprio i paesi nei quali il consumo di antibiotici è elevatissimo. Secondo l’ECDC (European Centre for Desease Control) “se tale fenomeno non sarà limitato, nel breve futuro alcuni interventi chirurgici chiave saranno compromessi”.

Il problema dell’antibioticoresistenza dipende in prima istanza, ovviamente, da prescrizioni mediche e utilizzo di antibiotici sconsiderati. Basti pensare che in Italia si vendono più del doppio di antibiotici rispetto alla media europea (dati ESVAC). Questo abuso determina nel corpo un’abitudine al farmaco che lo rende, nel tempo, sempre meno efficace. Si stima che circa il 50% degli antibiotici siano prescritti inutilmente o utilizzati male, invece di essere considerati come l’ultima spiaggia, nei casi più gravi, solo quando i rimedi naturali falliscono.

A questo bisogna aggiungere che circa l’80% di tutti gli antibiotici finisce nell’industria zootecnica, somministrati direttamente agli animali da allevamento (spesso in modo preventivo e routinario), i cui escrementi vengono successivamente utilizzati come fertilizzanti.

Come uscire da questo circolo vizioso? Sicuramente sviluppando una nuova coscienza, che parta da scelte alimentari più etiche e da un nuovo modo di intendere la salute. Fortunatamente la natura ci offre numerosi rimedi ad azione antibiotica. Ecco qualche esempio:

  • OLI ESSENZIALI: quasi tutti gli oli essenziali sono dotati di proprietà antibiotiche, antivirali e antifungine. I più potenti, adatti per diverse patologie, sono il tea tree, il niaouli, la lavanda, il limone, il timo, i chiodi di garofano, … ma l’elenco potrebbe essere molto più lungo.
  • ARGENTO COLLOIDALE: l’argento colloidale è un antibatterico e disinfettante conosciuto fin dai tempi più antichi.
  • PROPOLI: la propoli è un prezioso antibiotico naturale, dotato inoltre di proprietà antinfiammatorie, cicatrizzanti e immunostimolanti.
  • AGLIO: gli estratti di aglio vantano proprietà antibiotiche, antivirali e ipotensive.
  • SEMI DI POMPELMO: oltre ad essere un immunostimolante l’estratto di semi di pompelmo è antibatterico.
  • ECHINACEA: conosciuta come pianta immunostimolante, l’echinacea è anche antibiotica e antivirale.

Evitare l’uso sconsiderato degli antibiotici è possibile. Basta provarci!

1 comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Open chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: