LA CASA ECOLOGICA

Come per i cosmetici tradizionali anche i prodotti normalmente utilizzati per la pulizia della casa sono pieni di sostanze pericolose per l’uomo e per l’ambiente. Tensioattivi aggressivi di origine chimica, responsabili di tossicità per gli organismi

acquatici, profumazioni sintetiche e allergizzanti, antibatterici che possono trasformarsi in diossine cancerogene, conservanti che rilasciano cloroformio … sono soltanto alcuni esempi di ingredienti abitualmente presenti nelle nostre case. Oltre a mettere a rischio la nostra salute e ad inquinare irreversibilmente l’ambiente, la tendenza a sterilizzate tutto è responsabile anche dell’aumentata resistenza dei batteri patogeni, con conseguenti disturbi al sistema immunitario.

Siamo ormai arrivati ad un punto di non ritorno: se vogliamo lasciare alle generazioni future un mondo vivibile è necessario cambiare le nostre abitudini. La buona notizia è che è possibile pulire la casa anche con prodotti molto più semplici,  naturali, efficaci, privi di impatto sull’ambiente e persino più economici.

Quali sono gli ingredienti indispensabili?

  • Bicarbonato di sodio: una polvere minerale solubile in acqua e dotata di proprietà pulenti, sgrassanti, smacchianti e deodoranti. Si può utilizzare per assorbire gli odori del frigorifero, per pulire tutte le superfici di casa, nella pulizia dei piatti, del forno e dell’argenteria.
  • Percarbonato di sodio: minerale dotato di proprietà detergenti e disinfettanti che a contatto con l’acqua rilascia perossido di idrogeno. Sbiancante naturale ed ecocompatibile, può sostituire la candeggina contro le macchie del bucato.
  • Acido citrico e aceto: acidi deboli capaci di togliere il calcare e far brillare le superfici. Ottimi per sciogliere le incrostazioni di lavello, vasca da bagno e doccia, come ammorbidenti in lavatrice e come brillantanti in lavastoviglie.
  • Oli essenziali: oltre a profumare sono in gran parte antibatterici e antifungini. Aggiunti agli altri ingredienti di base ne potenziano gli effetti.
  • Argille: grazie alla loro capacità di assorbimento del grasso, le argille sono consigliate per eliminare le macchie di unto sulle superfici delicate e porose.
  • Saponi: i saponi Nero, d’Aleppo e di Marsiglia, ottenuti attraverso saponificazione tradizionale, hanno una buona biodegradabilità e sono agenti pulenti e sgrassanti.

Questi ingredienti, opportunamente miscelati tra loro, possono dare vita a veri e propri sostituti di prodotti che utilizziamo quotidianamente: spruzzini per pulire le superfici della cucina e del bagno, detersivi per i piatti, per la lavastoviglie e per la lavatrice e molti altri.

Per i più pigri o per chi non ama dilettarsi con lo spignattamento, niente paura perché in commercio esistono prodotti equivalenti a quelli tradizionali ma dotati di un elevato grado di biodegradabilità. Si trovano ormai in tutti i supermercati e nei negozi biologici, offrendo a volte la possibilità di ricaricare il detersivo alla spina, evitando in questo modo di produrre ulteriori rifiuti di plastica. Il certificato Ecolabel è, ad esempio, una garanzia di biodegradabilità. Occhio alle etichette!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Open chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: