A IMPERIA LA SCUOLA SI RINNOVA!

Grande successo in termini di partecipazione e contenuti all’incontro “Per una nuova pedagogia a Imperia”, tenutosi domenica 7 gennaio a Imperia, in via Magenta 18. Molte le persone intervenute, genitori, educatori, psicologi,

tutti interessati a sostenere e a proporre nuove possibilità educative o a raccontare e condividere progetti già realizzati. Dall’incontro sono emerse le diverse esigenze delle famiglie dislocate sul territorio dell’imperiese, differenti per ciò che concerne l’età dei bambini, la problematica relativa al decreto vaccini, le difficoltà pedagogiche riscontrate nel sistema tradizionale, la possibilità di scegliere l’Homeschooling. L’eterogeneità delle necessità ha portato alla conclusione di suddividere i partecipanti in gruppi di lavoro che possano dedicarsi in modo più mirato a progetti specifici.

Il primo gruppo di lavoro emerso è relativo alla creazione di uno spazio ludo-creativo (3-6 anni) nel golfo dianese, con l’obiettivo di unire sia i bambini non vaccinati che rischiano di essere estromessi dagli asili alla conclusione dell’anno scolastico, sia quelli che non potranno proprio essere iscritti, sia bambini vaccinati i cui genitori sono però alla ricerca di una modalità educativa più a misura di bambino. Tutte le persone interessate sono pregate di contattarmi in qualità di referente di questo progetto (Marta 3383744924).

Il secondo gruppo di lavoro si riferisce ad un simile progetto di attività ricreativa e ludica (3-6 anni) a Imperia Porto Maurizio. La referente a cui rivolgere domande e curiosità è l’educatrice Ramona Carbonetto (Ramona 3283185326).

Il terzo gruppo di lavoro nasce su richiesta di un gruppo di genitori di Imperia e Sanremo alla ricerca di un’iniziativa condivisa di Homeschooling per elementari e medie. La referente da contattare per unirsi al progetto o anche solo per avere più informazioni è Arianna Voltolina (Arianna 3473416287)

Molto interessante è l’esperienza di Lara Catanese, psicoterapeuta e insegnante di Loano che ha   testimoniato il lavoro che si sta svolgendo nella provincia di Savona. L’associazione di promozione sociale Non Parto di Testa di Loano propone, infatti, attività ludiche e ricreative per bambini per varie fasce di età: nido, prescolare e scolare. Il progetto “Vivere il territorio”, approvato dall’amministrazione comunale loanese , offre ai bambini percorsi, attività, laboratori e outdoor, avvalendosi di figure di esperti scelte fra i genitori stessi che operano in modo volontario nell’associazione. Le attività ludiche e ricreative proposte spaziano dall’arte alla musica, dai lavori manuali alle lingue: music together, Closlieu di Stern, canzoni e giochi in lingua inglese e spagnola, cucina, cucito, giardinaggio, orto, laboratori sensoriali. Per conoscere meglio il progetto ci saranno degli open day per fascia d’età, il primo sarà sabato 13 gennaio. Lara Catanese si è inoltre offerta di svolgere piccoli corsi di aggiornamento per operatori (Lara 3356239454).

Emanuele Morandi, educatore teatrale e fondatore del Teatro Impertinente ha raccontato il suo prezioso lavoro con gli adolescenti. La metodologia teatrale offre concrete possibilità di espressione dei sentimenti, aiutando a liberarsi dei propri grovigli interiori. Lo strumento teatrale, infatti, crea un livello di coinvolgimento che supera la sfera razionale e attiva anche il piano emotivo dei partecipanti. Emanuele ha anticipato la prossima apertura a Imperia di uno Spazio Aggregativo Giovanile che nascerà dall’unione tra la cooperativa Hesperos, la cooperativa Jobel e l’ARCI “Il campo delle fragole”, allo scopo di offrire al territorio luoghi ed attività di sperimentazione, incontro e confronto.

Significativa anche la testimonianza dell’associazione Seminativi di Cervo, nata con lo scopo di promuovere un pensiero ed uno stile di vita ecosostenibile, legato al benessere psicofisico e all’ecologia profonda. I SemiNativi hanno svolto nelle scuole della provincia dei laboratori creativi, donando il proprio tempo e le proprie competenze come liberi volontari, con lo scopo di gettare un primo seme in grado di far germogliare queste attività in percorsi più lunghi e strutturati. Queste le attività proposte:

Laboratorio di danza libero espressiva: danza e teatro si incontrano per acquisire maggiore consapevolezza di sé attraverso il gioco e il movimento.

Laboratorio libri tattili: materiali di riciclo e creatività sono gli ingredienti per creare un’opera originale e unica.

Laboratorio il pollice magico: respiro, mi rilasso e conosco me stesso attraverso il gioco e l’auto Shiatsu.

Laboratorio il micro orto: creiamo insieme un orto sinergico con tecniche di permacultura. L”importanza di uscire all’aperto e interagire con la natura.

Laboratorio sulle emozioni: conosci ed esprimi le tue emozioni attraverso il gioco, il gruppo e il movimento.

 

Come evidenziato, tante sono le iniziative sul territorio imperiese già attive o in divenire, segno di una coscienza che si sta risvegliando, che ha smesso di lamentarsi per iniziare ad agire concretamente, che non recrimina più per quello che non ha ma che comincia a costruirsi consapevolmente ciò che gli occorre. E tu? Cosa aspetti ad unirti ai nostri progetti? L’unione fa la forza!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Open chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: