GREY SPIDER FLOWER, IL FIORE CONTRO IL PANICO

Grey Spider flower è il nome di un rimedio floriterapico australiano ricavato dalla pianta Grevillea buxifolia, un arbusto che può raggiungere anche i due metri di altezza, dai fiori color ruggine, ricoperti da una peluria biancastra e riuniti in grappoli.

È un fiore australiano molto potente indicato per tutte le forme di paura, ansia, fobia e attacco di panico. Le paure su cui questa essenza lavora non sono le piccole paure che ci accompagnano nella vita quotidiana, bensì quelle ataviche e ancestrali che almeno apparentemente non hanno una causa scatenante. Si tratta di paure paralizzanti, quelle che annebbiano completamente la razionalità facendo perdere la coscienza dello spazio e del tempo, come la paura di morire o qualsiasi pensiero o situazione che minaccia la sopravvivenza stessa. Spesso sono accompagnate da sintomatologie fisiche quali pupille dilatate, tachicardia, secchezza alla gola, sensazione di svenimento e vertigini.

 

Grey Spider flower si rivela, inoltre, utile nelle varie forme di fobie e nei bambini che soffrono di incubi notturni o attacchi di asma gravi.

La segnatura di questa essenza è molto simbolica: l’infiorescenza pelosa assomiglia ad un bruttissimo ragno grigio, animale verso il quale moltissime persone soffrono di un terrore spesso non spiegabile con la mente razionale.

L’assunzione di questo fiore infonde calma, forza e coraggio, rendendo la persona più disponibile ad ascoltarsi in profondità e a ritrovare la fiducia in se stessa.

Non dimentichiamo, però, che nel caso specifico del panico il corpo, sopraffatto da uno stato di tensione interna estremamente elevato, produce l’attacco allo scopo di staccare la spina. Nell’eventualità di andare incontro ad un corto circuito, il sistema preferisce mettere in atto uno spegnimento momentaneo per preservare l’integrità ed evitare danni peggiori. È evidente, dunque, che l’assunzione di Grey Spider flower in presenza di attacchi di panico dovrebbe essere accompagnata da un percorso più profondo, da un lavoro interiore che aiuti la persona ad imparare a mollare l’eccessivo autocontrollo emotivo e a trovare delle valvole di sfogo che riducano la tensione interna. L’attacco ti panico arriva per insegnarci che è giunto il momento di lasciarsi andare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: